L’ESMA CONFERMA CHE ALCUNI FONDI FANNO I “FURBI”