CARICHIETI E IL CROLLO IN BORSA DELLE BANCHE